I° CORSO DI FORMAZIONE PER TRAINER DI AUTONOMIE INDIVIDUALI

PREMESSA

Nel mondo della disabilità esistono molte figure che lavorano attorno alla persona con disabilità, ognuna con metodi diversi a seconda delle proprie specifica professionalità (neuropsichiatri, psicomotricisti, logopedisti, psicologi, insegnanti di sostegno, operatori educativi ex AEC ecc.). 

Nell’arco della settimana però un bambino-ragazzo con d.i. passa in media solo 50 minuti con una di queste figure, all’interno di centri o strutture. La quotidianità del ragazzo, invece, è riempita da altre figure, spesso improvvisate e prive di adeguate qualifiche, nonostante l’importanza che rivestono data la quantità di tempo che vi trascorrono insieme.

Affiancare una persona con disabilità richiede grande professionalità, conoscenze specifiche, giusta sensibilità ed elevato spirito di abnegazione.
Lavorare con una persona con d.i. e trascorrere con essa del tempo è una grande responsabilità ed al contempo una meravigliosa esperienza. Crediamo sia importante riempire il loro tempo di una compagnia non sterile e fine a se stessa, bensì produttiva, che cerchi di potenziare le autonomie personali aiutandoli ad interagire e integrarsi con il mondo esterno.

Occorre una guida sicura a cui affidare la vita speciale dei propri figli, che lavori sul perseguimento di obiettivi specifici, ricamati sulle esigenze altrettanto specifiche e diverse dei soggetti con cui si dovrà intraprendere un percorso.

ANALISI DEI BISOGNI

Dal Congresso dell’Associazione, tenuto a Roma nel maggio 2018, è emerso il bisogno di aiuto attraverso nuove figure specializzate che lavorino – in stretta collaborazione con le famiglie – e a fianco della persona con disabilità intellettiva, per delineare un percorso finalizzato all’obiettivo più importante, al pari dell’aspetto medico-sanitario: raggiungere il livello di autonomia più alto possibile, che accresca le chance di un inserimento nella società e nel mondo lavorativo.

Agemo18 onlus ritiene indispensabile riempire questo vuoto nel panorama dei servizi socio-sanitari attualmente offerti, sia nel pubblico che nel privato. E’ indispensabile perciò puntare sulla formazione di personale qualificato, che abbiamo voluto chiamare T-DAI “trainer delle autonomie individuali”, che sia di supporto alla famiglie per sviluppare gradualmente le autonomie individuali di persone, bambini ed adulti con disabilità intellettiva, in collaborazione con operatori sanitari, terapisti, riabilitatori, insegnanti di sostegno, operatori educativi per le autonomie (ex AEC).

OBIETTIVI

Proponiamo dunque un corso che formi trainer di autonomie individuali, ovvero figure professionali che abbiano piena consapevolezza del delicato ma meraviglioso compito di affiancare persone, bambini ed adulti, con disabilità intellettive, collaborando con le loro famiglie.

La bravura della figura che immaginiamo, sarà quella di sapere individuare e “cucire addosso” un progetto ad hoc che consideri prioritariamente le peculiarità del ragazzo, della famiglia e del contesto in cui si sviluppa la quotidianità. Quello che quindi ci accingiamo a proporre non è un format da ripetersi indistintamente per ognuno, bensì un metodo di approccio elastico e flessibile che, partendo da solide basi di preparazione,
consenta di adattarsi a situazioni diverse.

La “missione” del T-DAI sarà quella di lavorare sul potenziamento delle autonomie individuali, attraverso progetti intelligenti, ragionati e condivisi con esperti.

E’ indispensabile, perciò, ripensare i servizi che ruotano attorno alla persona con disabilità intellettiva, cavalcando anche l’onda delle evoluzioni tecnologiche, per migliorarne la qualità della vita quotidiana.

JOB DESCRIPTION Trainer di Autonomie individuali

Riteniamo che questa nuova figura professionale debba essere:
– qualificata ad affiancare persone con d.i. nei percorsi per il potenziamento delle autonomie;
– preparata a gestire situazioni di pericolo: attacchi epilettici, sincopi, problemi comportamentali, fenomeni di emarginazione al fine di garantire sempre la sicurezza del ragazzo;
– che si occupi dei ragazzi con d.i. con obiettivi specifici ai fini del loro benessere e sappia guidare la famiglia nel rapporto con il bambino e nei rapporti con il mondo esterno;
– che partecipi ai GLH scolastici aiutando gli insegnanti ad avere un quadro chiaro e reale del ragazzo per poter fornire lui una formazione adeguata alle esigenze e alle capacità sempre mutevoli ed al fine di una giusta, sana e reale integrazione con i compagni di classe;
– che costantemente, anche al di fuori del GLH o di altri momenti di incontro nei centri diurni, monitori il lavoro svolto dalla scuola o dai centri promuovendo momenti di confronto con gli insegnanti/educatori;
– che lavori sul potenziamento delle autonomie personali, partendo da quelle necessarie a condurre una vita il più possibile autonoma (vestirsi, attraversare la strada, prendere un mezzo pubblico, fare la spesa, avere contezza del denaro, saper indicare l’indirizzo di casa, saper tornare a casa, sapere programmare una giornata, avere delle scadenze, saper manifestare un bisogno ecc.) con l’obiettivo lento ma possibile di far arrivare il ragazzo a svolgere una mansione lavorativa a completamento del percorso di autonomia ed autostima;
– che aiuti i ragazzi ad interagire con il mondo esterno e che aiutino gli altri ad instaurare con lui il giusto canale di comunicazione ai fini di una reale integrazione;

Metteremo in contatto le famiglie (DOMANDA) con i trainer di autonomie individuali da noi formati e valutati idonei (OFFERTA).

Attività

Il corso si svolge nelle Sale del Rome Marriott Park Hotel (Via Colonnello Tommaso Masala, 54). Si articola in 100 ore (40 ore teoriche e 60 pratiche) ed è tenuto da docenti che operano nel settore della disabilità intellettiva, sia nel campo scientifico che socio- sanitario.

Al termine del corso il frequentante avrà una panoramica delle patologie rientranti nella categoria della disabilità intellettiva; saprà barcamenarsi nei servizi di presa in carico fungendo da raccordo tra le molte figure che gravitano attorno a questo mondo, con metodi diversi; avrà consapevolezza di un nuovo approccio per lavorare sul potenziamento delle autonomie; sarà in grado di strutturare un progetto di lavoro ad hoc per il potenziamento delle autonomie.

Al termine del corso è prevista una prova finale.

La prova consisterà in una parte teorica: un quiz di verifica del corretto apprendimento dei contenuti e in una parte pratica: un workshop in cui realizzare il primo progetto per potenziare le autonomie. Coloro che supereranno la prova di valutazione verranno inseriti nella piattaforma del sito che stiamo creando.

Il giorno 29 settembre 2018, alle ore 11:00, presso il Rome Marriott Park Hotel, si svolgerà un open day dove verrà illustrato il corso.
Iscrizioni: vanno effettuate entro il 12 ottobre 2018 fino ad esaurimento posti compilando l’apposito modulo (lo travate in fondo alla pagina). Il modulo va scaricato, compilato e inviato a segreteria@agemo18.org.
Pre-selezione: prima di essere accettati al corso è previsto un colloquio motivazionale. Tale colloquio, riservato solo a coloro che abbiano effettuato l’iscrizione, si terrà il giorno 13 Ottobre 2018 presso il Rome Marriott Park Hotel in orario che verrà comunicato personalmente agli iscritti.

PROGRAMMA DEL CORSO - 2018 *

PRESENTAZIONE CORSO
Il ruolo del trainer delle autonomie – le esigenze della famiglia – l’approccio integrato.

NEUROPSICHIATRIA INFANTILE 
Le patologie della d.i. – il modello di presa in carico integrato – la gestione dell’epilessia nelle sindromi – il rapporto con i fratelli.

PSICOLOGIA
Il ritardo cognitivo – affettività e sessualità nella d.i. – social network – la famiglia di fronte all’handicap.

LOGOPEDIA
Quale comunicazione – valutazione soggettiva dei prerequisiti e delle abilità di comunicazione

PSICOMOTRICITA’
La psicomotricità relazionale e la grafomotricità.

BIOETICA
Fragilità e relazione di cura aspetti bioetici.

SERVIZI SOCIALI
il panorama normativo leggi e benefit – l’accesso ai servizi e al credito

TRAINING AUTONOMIE
Il potenziamento delle autonomie – il report sulle attitudini del lavoratore disabile – casi pratici – l’importanza dell’equipe nella conduzione di un progetto riabilitativo.

*Il programma è da intendersi come programma di massima. Un comitato scientifico sta elaborando i contenuti del corso affinché sia quanto più possibile rispondente alle esigenze.

Fruizione del servizio

Del corso potranno fruire tutti coloro (laureati e non) che intendano acquisire le conoscenze adeguate per affiancare persone con disabilità intellettiva e loro famiglie in progetti di sviluppo delle autonomie. Agemo 18 Onlus sta inoltre immaginando la creazione di una piattaforma digitale. Uno strumento di network che avrà lo scopo di far incontrare la DOMANDA con l’OFFERTA, di servizi per persone, bambini ed adulti con disabilità intellettiva volti al potenziamento delle autonomie. 

I vantaggi per la famiglia:

  • Trovare facilmente una figura qualificata ed affidabile ad affiancare il proprio figlio in percorsi finalizzati al potenziamento di autonomie individuali.
  • La garanzia di un costante controllo sulla qualità del lavoro svolto dai TdAI. 
  • Facilitare il percorso di presa in carico, con tutta una serie di servizi aggiuntivi che verranno implementati in un secondo momento.

I vantaggi per i TDAI:

Trovare un lavoro qualificato.
Essendo la piattaforma il punto di incontro della domanda della famiglie vi è la possibilità di trovare una o più persone con d.i con cui lavorare. Maggiore sarà il rendimento maggiore sarà il rating e maggiore sarà la possibilità di aumentare le ore di lavoro e le possibilità di guadagno.

Un costante aggiornamento.
Garantiamo ai TAI una formazione continua. La scienza e la società corrono in fretta. E’ bene essere costantemente aggiornati sulle novità scientifiche, normative-burocratiche e socio-sanitarie per offrire sempre alle famiglie un servizio di qualità.

Un costante confronto.
Lavorare su persone con d.i. offrendo loro percorsi per il potenziamento delle autonomie non è facile. Spesso ci si può sentire spaesati o inefficaci. Garantiamo dunque, attraverso incontri periodici, un punto di confronto con esperti al fine di rendere sempre migliore il percorso svolto.

I vantaggi per le persone con disabilità intellettiva:

Finalmente una persona che non sia arrivata da me perché non è capace a fare altro, ma crede realmente nel fatto che io possa migliorare la mia qualità di vita e si impegna con me per raggiungere obiettivi specifici e per farmi integrare al meglio nella società.

Finanziamenti
Il primo corso 2018 per Tdai sarà gratuito. I costi del corso verranno sostenuti grazie alle raccolte fondi promosse da Agemo 18 Onlus.